I soldi ci sono, volendo

Aumentare la pressione fiscale non è certamente una soluzione al problema dei disastrati conti pubblici italiani. Anzi; se l’aumento delle tasse non viene accompagnato da provvedimenti che mirano alla crescita, allo sviluppo e alla riduzione di costi e inefficienze, allora l’effetto di tali  manovre è puramente recessivo, decisamente opposto a quanto desiderato. Se da un lato, gli ultimi Governi si … Continua a leggere

Finalmente i Tagli ai costi della politica. O forse no.

Manca poco; tra alcuni giorni il Governo presenterà la manovra economica per raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2014. Solo due mesi fa, Governo e Ministro dell’Economia minimizzavano («quella (la manovra) richiesta all’Italia è la più bassa del mondo»), parlando di 15 miliardi di euro, quando BCE e Corte dei Conti ipotizzavano 35-40 miliardi. Ora sappiamo che la manovra … Continua a leggere

La Compresenza sta agli Sprechi come la Competenza sta al Ministro dell’Istruzione

Nelle scuole primarie, la compresenza indica le quattro ore settimanali in cui gli insegnanti di classe lavorano insieme. Nella pratica comune, la compresenza viene utilizzata per favorire la gestione degli alunni in tutte quelle attività che non sono svolte “seduti al banco”, per dare la possibilità di organizzare piccoli gruppi di lavoro, per realizzare interventi individualizzati, per porre maggiore attenzione … Continua a leggere

Ridurre i costi della politica: una bella favola per i telespettatori

Siamo in recessione da oltre un anno. Una delle prime azioni intraprese dalle aziende per limitare i danni è stata la riduzione dei costi. Per fare alcuni esempi: via i bonus, gli extra, drastica riduzione delle trasferte di viaggio e delle auto aziendali, niente più acqua gratis alla macchinetta del caffè e così via.   Ci si aspetta che anche … Continua a leggere

Sui voli di Stato c’è posto per tutti

Lo Stato Italiano mette a disposizione delle sue massime autorità una flotta di aeromobili (il 31esimo stormo a cui va aggiunta una pattuglia di piccoli ma lussuosi bimotori executive Piaggio P180), da utilizzarsi nell’ambito di incarichi istituzionali. Gli aerei di Stato sono, ovviamente, pagati con soldi pubblici.  Nel 2007, il settimanale L’Espresso denunciò l’utilizzo improprio di un aereo di Stato … Continua a leggere

Prendi i soldi (dalla Cassa per il Mezzogiorno) e scappa

La Cassa per il Mezzogiorno indica un ente pubblico italiano creato nel 1951 per finanziare lo sviluppo economico dell’Italia meridionale, allo scopo di colmare il divario con le regioni settentrionali. Iniziativa lodevole, almeno nelle intenzioni. Dall’inizio dell’operatività, sino al 1992 (anno di chiusura) la Cassa per il Mezzogiorno ha elargito alle regioni meridionali l’equivalente di circa 140 miliardi di euro con … Continua a leggere

E questa sarebbe la lotta agli sprechi?

E’ passato poco più di un anno dall’insediamento del nuovo Governo. Un anno di recessione economica, di tagli generalizzati disposti dalla legge finanziaria del Governo in diversi settori, dalla scuola alla cooperazione, dall’ordine pubblico alla giustizia, dal soccorso civile alla tutela del territorio, dalle politiche sociali per le famiglie alle politiche per il lavoro (Il Sole24Ore – Tagli per il 2009.pdf) … Continua a leggere

Come buttare via 400milioni di euro di soldi pubblici per interessi di parte. Alla faccia della recessione, della lotta agli sprechi, di 800mila italiani che hanno firmato per chiedere il referendum

    corriere della sera – Il 6 e 7 giugno non si terrà la consultazione sui quesiti elettorali Referendum fuori dall’election day Vittoria leghista, costo 400 milioni Quorum a rischio col voto la domenica dopo le Europee. Segni: presi per i fondelli. Calderoli: ne uscirebbe un sistema per noi inaccettabile Quattrocento milioni di euro: 112 volte la somma dell’8 … Continua a leggere