La finta lotta alla corruzione

C’è una tassa occulta pagata con i soldi prelevati dalle tasche dei cittadini. Si chiama corruzione. Poco più di un anno fa, a giugno 2009, la Corte dei Conti, l’organo che vigila sui conti pubblici, ha reso noto nel rendiconto generale dello Stato che la corruzione nella pubblica amministrazione sottrae ogni anno dai 50 ai 60 miliardi di euro di … Continua a leggere

La credibilità non s’improvvisa

«Chi commette reati non può restare in alcun movimento politico» (10 febbraio, Silvio Berlusconi, PDL, Presidente del Consiglio) Belle parole, ma sono credibili? Atteniamoci ai fatti con una breve carrellata. 12 giugno 2008. Vengono chiesti gli arresti domiciliari per Nicola Di Girolamo, Senatore PDL, i capi d’accusa variano dal falso all’abuso d’ufficio: è stato eletto nella circoscrizione Europa senza averne i … Continua a leggere

Il delirio del disegno eversivo

In questi giorni leggo continue dichiarazioni deliranti di molti esponenti politici che cercano consapevolmente di ingannare i cittadini mischiando la recente sentenza civile sul Lodo Mondadori con la volontà popolare uscita dalle urne nel 2008.   La storia del Lodo Mondadori è sinteticamente e asetticamente descritta nel seguente articolo pubblicato dal Sole24Ore (2009-10-03 Il Sole24Ore.doc).   La più grande società … Continua a leggere

Il balletto sui reati che non saranno più intercettabili per una legge che ci danneggerà

La legge che limiterà il ricorso alle intercettazioni telefoniche da parte delle Forze dell’Ordine è una priorità per il Governo. In questi ultimi mesi abbiamo ascoltato diverse dichiarazioni a riguardo, spesso tra loro contraddittorie. Alcuni esempi a riguardo: «Nella prossima riunione del Consiglio dei ministri approveremo un provvedimento che contenga il divieto assoluto per le intercettazioni telefoniche tranne per le … Continua a leggere

L’Italia mobilita l’esercito, ma perché?

Pubblicato Mercoledì 6 Agosto 2008 in Inghilterra [Reuters] “Devo aspettare finché non ha finito?” chiede un soldato del reggimento italiano degli Alpini, indossando il riconoscibile cappello tirolese con la piuma, ai suoi colleghi della polizia mentre pattugliano una zona di Torino nota per la presenza di drogati e conosciuta come “Parco dei tossici”, mentre vedono una donna che si inietta … Continua a leggere