Software Gratis? No, grazie

In tempi di crisi risparmiare anche un “solo” milione di euro di soldi pubblici fa la differenza, anzi è un atto dovuto. Sappiamo però che negli ultimi anni è stato molto più facile aumentare contributi diretti ed indiretti verso i cittadini piuttosto che intervenire sulla spesa improduttiva. Ma ci sono ambiti in cui il risparmio potrebbe essere veramente rilevante e … Continua a leggere

I soldi ci sono, volendo

Aumentare la pressione fiscale non è certamente una soluzione al problema dei disastrati conti pubblici italiani. Anzi; se l’aumento delle tasse non viene accompagnato da provvedimenti che mirano alla crescita, allo sviluppo e alla riduzione di costi e inefficienze, allora l’effetto di tali  manovre è puramente recessivo, decisamente opposto a quanto desiderato. Se da un lato, gli ultimi Governi si … Continua a leggere

Mille e non più mille

Indicativamente, un Parlamentare italiano guadagna a livello nazionale – tra stipendio “base”, diaria ed emonumenti vari – circa 16 mila euro al mese. E’ troppo? E’ poco? Di certo i parlamentari italiani sono i più pagati in Europa, anzi i loro introiti superano del 60% la media europea. Ma secondo alcuni onorevoli è troppo poco; per Maurizo Paniz tra spese … Continua a leggere

Chi ha alimentato il Debito Pubblico Italiano?

La seconda Repubblica ha ereditato il debito pubblico italiano dalla prima? Falso Totale debito pubblico accumulato: ü  Durante la prima Repubblica (1946-1992): 795 miliardi di euro di oggi.   ü  Durante la transizione tra prima e seconda Repubblica (1992-1994): 199 miliardi di euro di oggi.   ü  Durante la seconda Repubblica (dal 1994 al 30 giugno 2011): 937 miliardi di … Continua a leggere

Abbasso i pessimisti

Come misurare lo stato di salute di un Paese? Dal punto di vista di un cittadino comune, probabilmente è sufficiente valutare la qualità dei servizi che gli vengono offerti in rapporto ad i costi intesi in senso lato (tasse dirette/indirette, difficoltà burocratiche, accessibilità, diffusione, flessibilità, tempi di attesa e così via). Ma la percezione di ognuno di noi varia ed … Continua a leggere

Federalismo demaniale o svendita totale?

  La soluzione ai tutti i mali che affliggono il Paese si chiama Federalismo Fiscale. Questo almeno è quanto ci dice da anni la nostra classe politica, con la Lega in testa a rivendicare, giustamente, la paternità di questa riforma.   In effetti, il disegno di legge sul federalismo fiscale è stato votato con ampia maggioranza a marzo 2009, segno … Continua a leggere

Aumentano le tasse sul nostro futuro

Ogni famiglia italiana gestisce giornalmente il proprio bilancio: le entrate (es: stipendi), le uscite (es: le spese, le tasse), i debiti (es: il mutuo). Le uscite superiori alle entrate ci costringono ad aprire un prestito aggiuntivo (es: un finanziamento) che va ad incrementare il nostro debito e rende più incerto il nostro futuro. Sembra una banalità ma se generalizziamo questo … Continua a leggere

La produzione industriale in Italia crolla ai livelli di 23 anni fa. Nel silenzio della TV

Venerdì 26 dicembre. Mentre guido ascolto distrattamente il giornale radio su radio24 ma una notizia mi colpisce:   I livelli della produzione industriale italiana sono tornati indietro, a causa della crisi, di quasi 100 trimestri, 92 per l’esattezza, cioè circa 23 anni. Da questo punto di vista siamo tornati al 1986.   Questo è quanto riportato in uno studio pubblicato … Continua a leggere

Come giocare alla roulette con i nostri soldi pubblici

In finanza, uno strumento derivato è considerato ogni titolo il cui valore è basato sul valore di mercato dei altri beni (azioni, indici, valute, tassi, ecc…). Esistono derivati strutturati per ogni esigenza e basati su qualsiasi variabile, perfino la quantità di neve caduta in una determinata zona piuttosto che l’esito della raccolta di grano, mais, ecc… Gli strumenti derivati possono essere … Continua a leggere