Memoria

Il desiderio di capire mi è scattato ad aprile 2008 mentre quardavo l’ennesimo servizio in TV sul caso Alitalia: la verità raccontata non mi sembrava reale e qualcosa è scattato.

Per quasi 4 anni, da aprile 2008 a luglio 2012, ho dedicato almeno 2 ore al giorno per informarmi: leggere, ascoltare, verificare e alla fine scrivere, aprendo questo blog attraverso cui ogni settimana ho descritto un argomento che mi aveva interessato o che reputavo significativo, cercando di essere il più possibile corretto, citando le fonti da cui ho estrapolato le notizie e dedicando uno spazio secondario alle mie opinioni personali.

L’interesse e la voglia di scrivere sono tutt’ora forti ma il tempo libero è praticamente nullo dato che lo sto dedicando alla musica. Un peccato perché tutte le passioni andrebbero sempre coltivate; ma ora, a pochi giorni dalle elezioni, mi è tornata sottomano una sintesi di alcuni provvedimenti indecenti presi durante l’ultimo mandato del governo Berlusconi. L’elenco è incompleto, perché ho sicuramente dimenticato qualcosa ma comunque è significativo.

Elenco_Provvedimenti.xls

A rileggerlo vengono i brividi sapendo che almeno 7-8 milioni di italiani continueranno a sostenere chi li ha fatti affondare o almeno il principale responsabile, limitandoci agli ultimi 10 anni.

E comunque andranno le elezioni, la sostanza non cambierà; siamo un popolo che non vuole essere governato, vuole essere solo comandato. Un popolo in cui imperversano venditori di fumo e ingenui creduloni, un popolo che subisce il fascino del populismo, della demagogia, degli slogan; un popolo attratto dai sogni facili e per lunghi tratti qualunquista. Un popolo ancora immaturo e troppo spesso indifferente a parole come senso civico, etica, rispetto delle regole.

Un popolo senza memoria.

Ma io no, io le cose non le voglio solo capire, io le cose le voglio mangiare.

Ti è piaciuto l’articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille. Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.
Memoriaultima modifica: 2013-02-20T21:50:00+00:00da sullozero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento