Il cerchio magico

Credo sia il caso di fare un breve elenco delle dichiarazioni rilasciate da alcuni esponenti politici con lo scoppio dello scandalo che ha coinvolto la Lega sull’utilizzo dei nostri soldi pubblici per fini personali (dentista, auto, case, affitti, ristoranti, diplomi, lauree, gigolò, scuole private, etc) e – non da meno – sulla presenza di una contabilità occulta in cui flussi milionari di denaro di provenienza illecita servivano – secondo l’accusa – per corrompere, riciclare, lanciarsi in spericolate operazioni finanziarie e investimenti immobiliari (dettagli).

Prima di scorrerle, però, è necessario fare una precisazione: non sono battute scritte dagli autori di Zelig ma affermazioni vere, espresse da coloro che rappresentano noi cittadini.

«Denuncerò chi ha utilizzato i soldi della Lega per sistemare la mia casa» (Umberto Bossi, 3 aprile)

«che Bossi, contrariamente a quanto cercano di suggerire certi media, non solo non risulta accusato di alcunché ma dovrebbe casomai essere considerato persona offesa. Sono certo che tutto si chiarirà e che verrà provata l’assoluta estraneità di Umberto Bossi e della sua famiglia a qualsiasi ipotesi di reato» (Silvio Berlusconi, 3 aprile)

«Il Pdl esprime vicinanza a lui (Bossi n.d.r.) e alla Lega» (Angelino Alfano, segretario del Pdl, 3 aprile)

«….altro che la Tanzania se vanno in mano ai militanti! Non vengono a prendere me, le dici eh, vengono a prendere voi!» (intercettazione telefonica tra Rosy Mauro, vicepresidente del Senato, e Manuela Marrone, moglie di Bossi)

«La pulizia è già in atto, e c’è già chi la deve fare» (Umberto Bossi, 7 aprile)

«do l’esempio» (Renzo Bossi, 9 aprile)

«Mio figlio Renzo ha fatto bene a dimettersi. Erano già due tre mesi che mio figlio mi diceva che era stanco di stare in Regione» (Umberto Bossi, 9 aprile)

Le dimissioni, arrivano solo «per senso morale» (Renzo Bossi, 10 aprile)

Ora, una persona in grado di intendere e volere che fosse contemporaneamente simpatizzante e/o militante di questa formazione politica, dovrebbe, a mio avviso, provare quantomeno sconforto e subito dopo rabbia per essere stato preso in giro in tutti questi anni con slogan del tipo “Roma Ladrona”. D’altra parte, se non si fosse accecati da integralismo e fanatismo politico – tipo curva da stadio – non ci si dovrebbe stupire più di tanto ma si dovrebbe esigere trasparenza e pulizia reale con l’estromissione a vita da qualunque carica per tutti gli iscritti coinvolti, a prescindere dalla presenza o meno di condanne penali. Solo così, questo partito politico potrebbe riacquistare faticosamente un minimo di credibilità.

Se invece, come temo, assisteremo a reazioni da parte dell’elettore medio del tipo: “beh, lo fanno tutti”; “perché i magistrati colpiscono solo da una parte?”; “è un complotto di Roma”; ecco, in questo caso, per queste persone, avremmo la certezza che non c’è speranza di recupero mentale. Lobotomizzati dal loro stesso fanatismo.

Ti è piaciuto l’articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille. Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina
Il cerchio magicoultima modifica: 2012-04-11T09:06:00+00:00da sullozero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento