Doppio stipendio con i nostri soldi pubblici per il fannullone Lucio Stanca

Circa due anni fa, a marzo 2008 per la precisione, Milano è stata scelta come sede per l’Expo 2015, ovvero l’esposizione universale che si terrà per sei mesi nel 2015, in cui parteciperanno circa 120 paesi.

 

In teoria, dovrebbe essere una grande opportunità per l’Italia: si parla di diversi miliardi di euro per lo sviluppo delle infrastrutture, creazione di nuovi posti di lavoro, incremento del turismo, del fatturato delle imprese, etc…

 

Organizzare e coordinare un evento di tale portata è chiaramente un impegno di grande responsabilità e presuppone capacità manageriali elevate, competenza e una totale disponibilità di tempo e risorse. Per centrare questi obiettivi è stata creata la società Expo 2015 S.p.A.

 

Presidente e amministratore delegato di questa società è Lucio Stanca, subentrato a Paolo Glisenti, in seguito alle pressioni esercitate dal Governo sul sindaco di Milano, Letizia Moratti. Nel frattempo, si è perso più di un anno, in cui nulla si è fatto per avviare i progetti e le attività necessarie a preparare Milano all’evento. Ad ogni modo, se la governance della società si dimostrerà valida il tempo perso potrà essere recuperato.

 

Lucio Stanca percepirà uno stipendio di circa 450 mila euro annui per il doppio ruolo di presidente e amministratore delegato della società. Forse un equo compenso per incarichi così delicati e complessi? Può essere, dipenderà dal valore aggiunto e dalla capacità organizzativa fornita alla causa dell’Expo. Ma il punto è un altro.

 

Lucio Stanca fa anche un altro lavoro: è parlamentare per il Popolo della Libertà, deputato alla Camera.

 

Riassumendo: doppio incarico e doppio stipendio.

 

«Il fatto che il nuovo amministratore delegato l’onorevole Stanca rimanga parlamentare per me è un valore aggiunto, per far capire ancora di più a Roma e all’Italia intera l’importanza di questo evento» (Diana Bracco presidente degli industriali lombardi, 9 aprile 2009)

 

«Non rinuncio al doppio incarico» (Lucio Stanca, deputato PDL, 18 settembre 2009)

 

«Il mio doppio stipendio? Rispondo al PDL non a Repubblica» (Lucio Stanca, deputato PDL, 23 novembre 2009)

 

«Sono nel pieno rispetto della legge e siccome la legge me lo consente io lo faccio fin quando ritengo opportuno di farlo» (Lucio Stanca, deputato PDL, intervista a Report novembre 2009)

 

 

Di seguito un estratto del suo impegno come Parlamentare. Tutti i dettagli aggiornati sono disponibili a questo link.

presenze.JPG

indice.JPG

Lucio Stanca, ad oggi si è distinto per aver preteso – minacciando le dimissioni – una sede centrale per la società di gestione dell’Expo, ovvero Palazzo Reale, scartando la più decentrata Villa Scheibler che avrebbe permesso di risparmiare un milione di euro d’affitto all’anno. Le sue “coraggiose” dichiarazioni in merito:

 

«Coniugare queste esigenze nella soluzione di Palazzo Reale, che presenta le caratteristiche di immediata disponibilità e di un costo che il Consiglio ha ritenuto congruo è la sola risposta seria a problemi che sono fondamentali per il perseguimento del massimo risultato degli investimenti previsti, nell’interesse della collettività lombarda e nazionale» (Lucio Stanca, 12 maggio 2009)

 

Il più grande evento del prossimo decennio, l’Expo 2015, è in mano a questo signore. Part-time.

 

Insomma, l´arroganza del potere non ha limiti. L’onorevole Stanca, dirigente d’azienda, Parlamentate, Amministratore Delegato e Presidente Expo 2015, rappresenta tutti i cittadini, non solo coloro che lo hanno votato (in realtà questo signore non è stato votato da nessuno in quanto dal 2006, a causa della nuova legge elettorale definita “Legge Porcata” dallo stesso relatore Calderoli, i cittadini votano solo un simbolo e non hanno più la facoltà di scegliere i loro rappresentanti, mentre sono le segreterie dei partiti che scelgono chi ci rappresenta in Parlamento), e percepisce un doppio stipendio pagato da tutti, dato che stiamo parlando di soldi dello Stato Italiano.

 

A prescindere dal colore politico, questa mediocrità e mancanza di interesse per il bene comune non può essere più tollerata da noi cittadini; non perdiamo la memoria, anzi diffondiamola ed esprimiamo il nostro dissenso civilmente ma in modo fermo e documentato: non siamo sudditi ma cittadini.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille.
Doppio stipendio con i nostri soldi pubblici per il fannullone Lucio Stancaultima modifica: 2010-01-31T22:25:00+00:00da sullozero
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Doppio stipendio con i nostri soldi pubblici per il fannullone Lucio Stanca

  1. Siamo proprio in Italia… dovrebbe essere vietato per legge di poter avere un doppio incarico pubblico. E invece siamo costretti a vedere queste persone che lavorano 2 giorni da una parte e 2 dall’altra e poi gudagnano magari 30-40 mila euro al mese.
    Che tristezza!
    Stefy

Lascia un commento